-
--
Il  G.E.N.D. ( Gruppo Ecologico Naturalistico Delebio)  costituito il 7 giugno 2004, guidato da giovanissimi nell’ambito del territorio delebiese, ha lo scopo di promuovere iniziative che si   sviluppano nell’ambito dell’oratorio al fine di sensibilizzare, ragazzi, giovani, giovanissimi, alla formazione e alla conoscenza, sul  mondo della natura. 

L’iniziativa promossa da Gabriele Corgatelli, un giovanissimo di quattordici anni, eletto presidente del gruppo, e condivisa  da suoi coetanei, Luca Romano, Stefano Angelini e Francesco Tarca, sostenuta ed animata dal parroco Don Amedeo Folladori, conta, a tutt’oggi, la partecipazione di numerosi altri  ragazzi che condividono l’ itinerario del gruppo nella formazione, nell’ osservazione e nel rispetto della natura. 
-
Il gruppo ha costituito uno Statuto nel quale, tra l’altro  si annota:
-
Il ragazzo/a che entra nel G.E.N.D.  osserva, ascolta, studia, tutela la natura; guarda con stupore
le meraviglie del creato, si impegna a conoscere la storia, le tradizioni e gli ambienti naturali del proprio paese.
-
Tra le iniziative promosse dal  G.E.N.D, vi è un servizio di vigilanza nel territorio boschivo di Delebio – tra Nogaredo e Ronco- la  cura e la pulitura di sentieri, lo studio delle piante e della fauna locale, l’osservazione delle meraviglie della natura, volti e presenze, contemplando i  colori e le armonie del creato. 
-
La formazione ha avuto inizio  nell’ambito oratoriano e, con la presenza di  esperti del settore, sono stati animati tre serate culturali, aperte a tutti.  Remo Mossini e Franco Angelini, esperti ed appassionati alla Flora, hanno sviluppato il tema  “Flora protetta”. 
-
-Legge regionale 27 luglio 1977, n. 33 "Provvedimenti in materia di tutela ambientale ed ecologica".
---
Don Amedeo Folladori, ha parlato del  tema  la natura “ Stupore e meraviglia, via a Dio”. 
Gabriella Bianchi, biologa e tecnico naturalista del Parco delle Orobie, ha trattato il tema “La fauna delle nostre montagne” soffermandosi, in particolare, sulla  presenza, nel territorio, del “Gallo Cedrone”. 
 

Femmina, archivio scricciolo.com [autore sconosciuto] maschio, archivio scricciolo.com [autore sconosciuto] nido, archivio scricciolo.com [autore sconosciuto]
-
pulcino, archivio scricciolo.com [autore sconosciuto]
-
Il  gruppo G.E.N.D.  oltre a promuovere ed animare  iniziative  culturali, ha  arricchito la formazione   con due  pubblicazioni di “ spiritualità gendiana”. 
-
In un opuscolo sono state pubblicate le preghiere di alcuni  Salmi, quali,  “La  grandezza dell’uomo e bontà di Dio” ( Salmo 8) “Inno alla creazione” ( Salmo 104) “ Canto di un uomo felice” (Salmo 92) “ Tu mi scruti e mi conosci” (Salmo 139) “Alzo gli occhi” (Salmo 121). 
-
In un secondo opuscolo sono state fatte conoscere alcune poesie, di diversi autori, che hanno evocato la bellezza della natura. 
“Lo  scricciolo“ di Corrado Govoni, “Foglie morte” di Giovanni Pascoli,  “Autunno” di Emily Dickinson, “ Bufera ed altro” di Eugenio Montale, “ La mia vetta” di Guido Barlocco,  “Montagne Silenti” di Katia Bernacci, “La Madonnina sorridente” di  Martin Gut, e di altri  poeti che hanno arricchito le pubblicazioni. - 
-
(a cura di Paolo Pirruccio)
-
--novità
 
-
             Il GEND
             segnala il libro:
          -
             Il Gallo cedrone (Tetrao urugallus)
          in Lombardia: biologia e conservazione

 
 
  Altre informazioni :


-
  dopo aver dato le cure del caso, si accinge a far volare
  la femmina di Turdus merula ...
                       -(non senza una foto ricordo)-
PRESENTA
e-mail: red.ilponte@libero.it
Editore e Prevosto
Don Amedeo Folladori
amedeo.folladori@tiscali.it
Direttore Responsabile
Roberto Sapio
Capo Redattore
Paolo Pirruccio
Vice Capo Redattore
Pamela Acquistapace
Matteo Maiorana
Redazione
Aldo Begassi
Franca Begassi
Marta Barri
Michele Brambrilla
Giampiero dell'Oca
Firmino Fistolera
Don Luigi Pedroni
Gabriella Ricetti
-

Numero speciale sull'attività dell' antico borgo di Delebio (Sondrio) che giovedì 6 gennaio in una ricca scenografia ha rappresentato, con oltre 150 personaggi in costume d'epoca, il Presepio vivente.
In questa occasione si è voluto far rivivere alcune delle attività, che pian piano stanno scomparendo;
attività accorpate nello spazio dedicato a "Delebio di una volta. . ."
-

-
la classica cartolina invernale.... è DELEBIO !