Vol. 1° -  III.
L’EVOLUZIONE

4.600 milioni di anni

età geologica della terra

3.000 milioni di anni

prime forme di vita

1.300 milioni di anni

primi eucarioti

200 milioni di anni

primi mammiferi

150 milioni di anni

primi uccelli

8 milioni di anni

genere Gallus


1. Considerazioni preliminari

L'evoluzione è il fenomeno più importante della biologia in grado di fornire un principio in base al quale porre ordine alla grande diversità dei Vertebrati attuali, nonché di collocare le forme estinte nel contesto di quelle viventi. La classificazione dei vari esseri viventi, concepita inizialmente come un metodo per assegnare un nome ai vari organismi, si è trasformata in uno strumento per comprenderne l’evoluzione.

Le comuni interpretazioni dell'evoluzione mettono in rilievo l'azione sui singoli individui esercitata dalla selezione naturale quale principale meccanismo in grado di produrre cambiamenti durevoli, senza che talora si possano escludere gli eventi casuali. I processi evolutivi sono strettamente legati ai cambiamenti avvenuti sulla Terra nel corso della storia dei viventi, a loro volta dovuti ai movimenti dei continenti e agli effetti di tali movimenti sui climi e sulla geografia.

Si calcola che la vita sulla Terra abbia avuto inizio 3 miliardi di anni fa. Il genere Gallus fece la sua comparsa 7-8 milioni di anni orsono e i dati disponibili stanno a indicare - per ora - che fu addomesticato circa 8.000 anni fa.

 sommario 

 avanti